Interreg Gate - Logo

Giro Sommersürs

Informazioni
Località:

Naz - Sciaves, Naz

Lunghezza:

4 km

Dislivello:

0 m

Periodo:

• da metà March a October


Accessibilità: Parziale
Smiley
Scopri la posizione sulla mappa

Una passeggiata al  Biotopo Sommersurs, fa parte del soggiorno sull'altopiano dei meli di Naz-sciaves. Piccolo e vario, il Biotop Sommersürs, chiamato anche Samesirs, si trova in una conca tra i paesini di Naz e Fiumes. L'area del Biotopo, distesa su un piano di 2 ettari, è un rifugio per innumerevoli insetti acquatici, anfibi, rettili e uccelli acquatici. Sulla riva, poco profonda del lago prosperano anche gattucci, carici alti e partenio.

Raggiungibilità

Dall'autostrada del Brennero A22 prendiamo l'uscita Bressanone-val Pusteria, direzione val Pusteria. Dopo un chilometro, giriamo a destra verso Naz-sciaves e parcheggiamo alla fine del paese.

Descrizione

L'itinerario Giro Sommersürs ha come nostro punto di partenza la zona nel centro del paese, dove si trova la Casa delle Associazioni, la fermata dei mezzi pubblici e un parcheggio. Dal parcheggio si prosegue su marciapiede e dopo circa 250 m, si arriva al bivio, per il biotopo Sommersürs. Attraversando il pittoresco biotopo, si arriva alla località Fiumes. Nel villaggio si procede tranquillamente su una strada asfaltata, fino al bivio di Frun, che si raggiunge con una salita di poco meno di 100 m e una pendenza dell'11,5%. A Frun si giunge al sentiero forestale, sulla destra si può vedere il biotopo Tölzl Moor e poco dopo si trova l'area ricreativa Frun - con parco giochi, l'area barbecue (panchine possono essere raggiunte solo con aiuto). L'ultimo tratto conduce attraverso i campi di meli, per poi finire al punto di partenza, alla Casa delle Associazioni.

Informazioni sull'itinerario
Adatto a:
Famiglie con bambini, anziani, persone in carrozzina con mezzo di trasporto elettrico.
Fondo stradale:
Asfalto, ghiaia e terra battuta
Bar/Ristoranti:
/
Mezzi pubblici:
si
WC accessibili:
/
Sole/Ombra:
Maggiormente soleggiato, con brevi tratti d'ombra.
Torna alle passeggiate di Valle Isarco

Ti potrebbe interessare anche